Emanuele Brutti

Emanuele Brutti
Verona (IT), 1984

Solo un altro pugile, 2012
Bitume 2014, Fab30
testo / text: Valentina Isceri

Emanuele Brutti documenta l’esperienza unica e solipsistica del boxeur e del suo immaginario agonistico confrontandosi attraverso una diretta conoscenza delle riunioni pugilistiche del nord italia. Quello tra il pugilato e la strada è un legame forte. I più grandi pugili del passato hanno storie che attraversano il disagio di aver vissuto sul marciapiede, rappresentazione emblematica della crudezza di una vita fatta di povertà e lotta per la sopravvivenza. La strada è sempre il primo ring.

Emanuele Brutti portrays the boxers’ unique and solipsistic experience. He compares their agonistic imagination with his direct knowledge about boxing, which he acquired in Northern Italy. The link between boxing and the street is very strong. The greatest boxers have always known what life in the street is like, experiencing poverty and struggling to survive. The street is the very first ring.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *