Giulia Flavia Baczynski

Giulia Flavia Baczynski
Verona (IT), 1982

InternoContinuo, 2011–2012
Bitume 2014, Fab30
testo / text: Gioia Perrone

Giulia Flavia Baczynski,inizia il suo percorso fotografico durante gli anni universitari interessandosi allo spazio dell’uomo e ai suoi mutamenti. Il progetto rappresenta una lettura su tre livelli diversi dello spazio pubblico del quartiere della Maddalena a Genova. Astrazione di percorsi che si trasformano in un filo da seguire all’interno del labirinto-città; rappresentazione delle piazze intese come stanze urbane disadorne; i loro nomi che diventano le parole degli abitanti. Il progetto si pone come punto di partenza per una riflessione su questi luoghi: il modo di viverli e le relazioni spesso incerte ed indefinite tra le persone rendono queste piazze spazi in costante attesa di destinazione ma pieni di potenzialità inespresse.

Giulia Flavia Baczynski began her photographic experience during university, focusing on the space of the human being and its transformations. The project is a three-level analysis of the public space in the neighbourhood of La Maddalena in Genoa. Abstract paths become a thread that will guide your eyes through the city-labyrinth. The squares are seen as plain, urban rooms, and their names become the words of the people who inhabit them. The project analyzes these places in depth. Often, the nondescript relationships taking place in these areas make the squares become spaces of constant expectation, full of unexpressed potentiality.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *