Ilaria Di Biagio

Ilaria Di Biagio
Firenze (IT), 1984

Dubai, 2014
Bitume 2014, Fab30
testo / text: Valentina Isceri

Dubai è una città neonata, vista con gli occhi della vecchia europa. Una città in cui le nostre ancore identitarie si scardinano e dove l’architettura anche pedonale è un mero arredo urbano destinato alla sola esperienza fallimentare di esistere nel non – luogo. Il medio formato sancisce un’alleanza visiva tra la precarietà del soggetto indagine e un vasto senso di vacuità e indeterminazione del luogo inabitato e disumanizzato.

Seen through the eyes of our old Europe, Dubai is a new-born city. A city where our identity roots seem to be pulled from the ground. A city where even the pedestrian architecture is a mere decor, destined to exist in a non-place. The result is a visual combination between the precariousness of the subject and a sense of void that an inhabited and de-humanized place like this communicates.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *