Lorena Guillén Vaschetti

Lorena Guillén Vaschetti
Rosario (AR), 1974

Historia, memoria y silencios, 2011
Bitume 2014, Grand Tour
testo / text: Andrea Laudisa

Storia, Memoria e Silenzi. In ordine: ognuno di noi ha una storia, un passato, un insieme di esperienze agglomerato di volti e gesti; ognuno di noi è un raccoglitore di memorie, un database, spesso basta ricordare, a volte la fotografia aiuta a conservare; ognuno di noi oltre alle parole conserva immagini mute, la storia personale di ognuno di noi è fatta anche di pause, di cose taciute, di momenti che si scordano al passare del tempo. Historia, Memoria y Silencios è un progetto quanto mai unico nel suo genere, che prende forma tra le mani e i ricordi di Lorena Guillen Vaschetti, fotografa argentina che ricostruisce la sua storia, la storia della sua famiglia attraverso il ritrovamento o meglio il salvataggio di una scatola contenente alcune vecchie diapositive del nonno, che la madre era intenzionata a buttar via. Proprio qui, in questa scatola color sabbia, Lorena ritrova fotografie scattate tra gli anni sessanta e settanta, alcune sparse altre legate da elastici altre ancora rinchiuse in piccole scatole, un composto di storie memorie e silenzi appunto, momenti di vita smarriti e diversi da come lei li ricordava. L’artista decide quindi di lavorare in due direzioni: da una parte cerca di dare voce ad alcuni di questi ricordi nuovi, lavorando su alcune immagini con un taglio ben preciso che spacca di netto le figure con una sfocatura ponendo l’attenzione su alcuni particolari, dall’altra parte sceglie di celebrare il silenzio delle fotografie contenute nelle piccole custodie chiuse, realizzandone degli still life e decidendo quindi di non aprirle. Lo spettatore infine non può far altro che assistere a questo piccolo miracolo, dove la memoria si esplicita e si nasconde, lasciando al segreto una parte della memoria.

Personal History, Memory and Silence. In this precise order. Each one of us has a history, a past, a set of experiences. Each one of us is a memory-collector, a database. Remembering is often enough, but sometimes photography helps to cherish those memories. Besides words, each one of us treasures mute images. Our personal history is also made up of pauses, of things left unsaid, of things we forget as time passes by. Historia, Memoria y Silencios is a unique project, shaped by Lorena Guillen Vaschetti’s memories. She is an Argentinean photographer who recreated her family history through some old slides. Her grandfather had put them in a box that her mother wanted to throw away. But she saved them. Right in this sandy-coloured box, Lorena discovered a lot of pictures, taken between the 60s and the 70s. Some of them were scattered, others were tied with an elastic band or contained in smaller boxes. It was a set of histories, memories and silence indeed. Life fragments lost in time, different from the way she remembered them. The artist decided to work in two different ways. On the one hand, she tried to give voice to these new memories, giving some of the pictures a blurred effect that lets the viewer focus on particular details. On the other hand, she chose to celebrate silence, leaving the small boxes closed and the elastic bands untied in order to create still life pictures. The viewer witnesses a little miracle where memory expresses itself and sometimes hides behind an undisclosed secret.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *