Orlando Lacarbonara

Orlando Lacarbonara
Martina Franca, Taranto (IT), 1989

Territori del cinema, 2011-2013
Bitume 2014, Fab30
testo / text: Valentina Trisolino

Nell’era di internet, del multivision, dello streaming e dei multisala da blockbuster, cosa resta dei cinema con una sola sala di proiezione? Quelli con le panche in legno, dove il biglietto era composto da un piccolo foglio di carta giallina? Spesso, anzi, molto spesso, non rimane più nulla. Interi edifici abbandonati ad un destino fatto di macerie o, per quelli più fortunati, di un riciclo ‘alla buona’, cambiando magari la destinazione d’uso. Tutto ciò cerca di documentare ed indagare Orlando Lacarbonara sul territorio pugliese. Il suo obiettivo, come è lo stesso a far presente, è quello di “costruire un bagaglio di informazioni utili per la conoscenza dello stato attuale e per la programmazione dello scenario futuro”. La fotografia, dunque, come mezzo di studio più che di semplice racconto. Il lavoro di Lacarbonara non è una narrazione romantica per immagini, riflette un metodo di lavoro ben preciso e organizzato che prevede un programma ‘a monte’ dell’atto dello scatto vero e proprio, e che riflette un filone della fotografia contemporanea che possiamo individuare dai coniugi Becher in poi. Il racconto si, c’è, ma ha le sfumature del lavoro scientifico, dove l’antropologia, la storia e gli elementi culturali ed economici del luogo hanno un ruolo indispensabile. L’importanza di tale lavoro è testimoniato anche dall’interesse dell’Assessorato al Mediterraneo, Cultura e Turismo della Regione Puglia, dall’A.A.M. Architettura Arte Moderna e dal Politecnico di Bari che ne hanno promosso lo sviluppo, e dalla pubblicazione del volume Territori del Cinema: Stanze, Luoghi, Paesaggi (Cangemi, Roma, 2013).

“Cinemas are part of the cultural heritage of a territory. Being aware of its value is paramount to increase the development process. Starting from this premises, a survey was carried out in order to analyze the status of Apulian cinemas today and make plans for the future. Sponsored by a Department of the Apulian regional authority, in collaboration with the Architecture Modern Art Galley (A.A.M) and the Politecnico university of Bari, the research describes cinema in urban, architectural and social terms; at the same time it explores its role in history, culture and economy”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *